Le statistiche sono allarmanti : ogni anno in Italia si verificano sinistri stradali che provocano circa 300.000 feriti e 4000 morti.

Il Lions Club “ Gargano” di San Giovanni Rotondo,presieduto da Michele Di Maggio ha, di recente, incontrato i giovani studenti del Liceo Scientifico  di San Giovanni Rotondo e dell’Istituto Omnicomprensivo “Padre Giulio Castelli” di Carpino per la trattazione di un tema da sempre scottante, quale è quello concernente “ I giovani e la sicurezza stradale”.
Relatori, nei due incontri, i dott. Luigi Colangiuli e Vito Maldarizzi, funzionari della Motorizzazione Civile di Bari i quali, con un linguaggio molto accattivante e coinvolgente hanno trattato le principali problematiche del tema, il cui succo può essere così riassunto, a beneficio del lettore.
Chi si pone alla guida di un’auto deve tenere presente – quasi un vademecum- almeno tre aspetti della problematica :1. La consapevolezza dei propri limiti; 2. La consapevolezza del rischio alla guida;3. L’importanza del suo comportamento.
Occorre che il giovane guidatore abbia consapevolezza che il suo organismo incontra dei limiti nel senso che alcune bevande producono effetti negativi per la guida. L’alcool,in particolare, incide negativamente sulle funzioni celebrali riducendo la percezione degli ostacoli,l’attenzione,il campo visivo,i tempi di reazione ,il coordinamento psicomotorio ,la capacità di valutare le distanze e la velocità di movimento degli oggetti e così via. Il rischio di incidente grave cresce paurosamente con l’aumento del tasso alcoolemico.
La consapevolezza dei rischi per chi guida oggi proviene ,in misura preponderante, dall’utilizzo sconsiderato del cellulare e dello smatphone .Infatti, l’utilizzo improprio del cellulare rappresenta una delle principali cause di incidenti stradali. Studi e ricerche recenti hanno dimostrato che la capacità di guida è compromessa e che il rischio di causare un incidente stradale aumenta di 4(quattro) volte quanto chi guida parla al telefono con o senza auricolare o viva voce.
Il rischio è molto forte considerato che per rispondere ad un sms si impiegano circa 10 secondi, un lasso di tempo sufficiente per l’auto che va a 50 km/h a percorrere, praticamente in balia di se stessa, circa 140 metri!.
Il Codice della strada consente l’utilizzo del cellulare durante la guida di un’autovettura ma soltanto se vengono utilizzati dispositivi che consentono di avere le mani libere.
In definitiva l’uso del telefonino, mentre si è alla guida di un’auto, determina una distrazione che,spesso,può essere fatale e – secondo i dati dell’ACI – i sinistri nella misura del 75% dei casi sono dovuti proprio alla distrazione.
IL messaggio finale che è stato rivolto ai giovani studenti dal relatore Luigi Colangiuli è stato incentrato sulla importanza del comportamento nel rispettare le norme del Codice della Strada e sulla responsabilità e prudenza di chi si pone al volante : comportamenti corretti e responsabili e prudenza alla guida, sono il miglior dispositivo di sicurezza attiva.
Un plauso agli organizzatori Lions della Manifestazione, tra i quali, il presidente del Club, Michele Di Maggio, il Presidente Circoscrizione A., ing. Salvatore Guglielmi, il presidente del comitato distrettuale, ing. Antonio Cutruzzolà ed il presidente della zona 2, Ernesto Paternostro.